Unisalento e ADMO insieme per una buona causa

0
123

ADMO e Unsialento siglano una convenzione importante per il territorio e per i cittadini.

L’intesa, sottoscritta dal Rettore Fabio Pollice e dalla presidente dell’associazione donatori midollo osseo di Puglia, Maria Stea, a come obiettivo la formazione di una più ampia coscienza civile e, di conseguenza, la possibilità di favorire l’aumento dei trapianti, segna il primo passo per un rapporto organico di collaborazione tra le due realtà pugliesi. Il fine è quello di  promuovere sul territorio la cultura della donazione del midollo osseo e delle cellule staminali emopoietiche, attraverso attività d’informazione, sensibilizzazione e formazione culturale rivolte agli studenti universitari.

ADMO e Unisalento si impegnano in questo modo nell’organizzazione di iniziative congiunte: convegni, seminari e corsi di formazione per l’approfondimento delle tematiche in questione, e in particolare delle patologie ematologiche che necessitano del trapianto di midollo osseo, della prevenzione e della cura delle malattie a esse riferite e della tutela dei donatori. Si punta così a favorire anche l’iscrizione di giovani donatori al Registro Regionale Donatori Midollo Osseo.

<<Oltre all’aspetto divulgativo  – ha sottolineato il Rettore Pollice – l’elemento più interessante della convenzione è l’impegno dell’associazione nel promuovere attività di ricerca e studio che potranno portare a percorsi formativi  nei quali sperimentare e valorizzare competenze traversali alle discipline, riferibili all’educazione alla salute e alla responsabilità sociale della cittadinanza>>.

Nel corso dell’incontro, Pollice ha anche avanzato due proposte operative: lo studio delle caratteristiche psico-motivazionali dei donatori, finalizzato a migliorare le azioni di sensibilizzazione volte ad accrescere il numero dei donatori; ed una competizione tra Atenei finalizzata a premiare l’Università italiana che vanti la più alta incidenza di donatori. Una sfida in cui si spera che il cuore salentino possa fare la differenza.

Per la realizzazione di tali iniziative, UniSalento metterà a disposizione le proprie sedi e predisporrà punti informativi anche in occasione di eventi istituzionali, mentre ADMO fornirà strumenti, strutture, personale qualificato e coprirà tutte le spese necessarie. Verrà creato anche un gruppo di volontari formato da studenti.

Coordinamento e monitoraggio della convenzione saranno, infine, affidati a un Comitato, composto da due rappresentanti per parte.

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui