Una risorsa chiamata Mediterraneo

0
145

Parlare di sviluppo e competitività nell’area del Mediterraneo ponendo al centro la formazione specialistica del capitale umano: questo l’obiettivo del meeting organizzato dalla Fondazione ITS della Puglia per l’Industria dell’Ospitalità e del Turismo Allargato (ITS IOTA), in programma lunedì 3 febbraio presso l’Istituto Alberghiero Sandro Pertini di Brindisi a partire dalle ore 11,00. L’iniziativa, promossa dalla Fondazione ITS IOTA, rientra in una programmazione indirizzata all’informazione, alla sensibilizzazione e all’orientamento verso gli Istituti Tecnici Superiori come nuova frontiera dell’Alta Specializzazione Terziaria non universitaria. Parteciperanno, infatti, diversi Dirigenti Scolastici, Docenti e Studenti di Istituti del brindisino e non solo.

Ad aprire i lavori saranno l’Assessore al’Istruzione Formazione e Lavoro Regione Puglia Sebastiano Leo e la Presidente Fondazione ITS Giuseppina Antonaci.

Una mattina dedicata a tutti gli stakeholder pubblici e privati interessati a favorire la competitività e l’innalzamento dei potenziali di alta qualificazione tecnica superiore dell’area e l’introduzione di modalità strutturali di esercizio delle economie dei turismi legati alla Blue Economy, al fine di dar vita alle leve, organiche e strumentali, indispensabili alla crescita dell’economia delle Comunità interessate.

La crescita del PIL turistico in Puglia nel 2018 è stata stimata nel +5,5% rispetto al 2017, migliorando anche il tasso di internazionalizzazione. Il turismo è la principale attività economica europea legata al mare e vede una crescita occupazionale costante anche e soprattutto nella nautica e nella crocieristica. In particolare, nel sistema portuale del Mar Adriatico Meridionale si attestano 2.400.000 transiti l’anno che incominciano ad esprimere, con oltre 670.000 crocieristi ed un incremento tendenziale di questi ultimi di più del 30% tra il 2018 ed il 2017, un interessante indice di crescita;

Recenti stime confermano, inoltre, che nel 2019 c’è stato un movimento di 11,89 milioni di passeggeri. Strategicamente la Puglia, con i suoi 800 km di costa, rappresenta il punto di approdo che interseca innumerevoli rotte.

L’offerta formativa dell’ITS è incentrata sulla progettazione e attuazione prima a Taranto, adesso a Brindisi, di tre percorsi biennali di alta specializzazione dedicati a questa filiera.

Il biennio formerà profili con alte competenze di cruise management e di gestione dell’accoglienza, che consentano di fornire una risposta di qualità al bisogno di aziende che richiedono il più alto livello di specializzazione.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui