Una nuova alba, lo stesso sogno. Torna la “Notte Bianca” di Specchia

0
119

Concerti, spettacoli, musica, esibizioni dal vivo e tanto altro ancora per uno degli appuntamenti più attesi dell’estate salentina, la “Notte Bianca” di Specchia che finalmente, dopo due anni di stop a causa della pandemia, torna a illuminare l’incantevole borgo medievale. L’appuntamento, come consuetudine, è fissato per il 12 agosto.

La manifestazione, nata nel 2004, nel corso degli anni è cresciuta tantissimo, raggiungendo risultati straordinari, ritagliandosi un posto di rilievo tra gli eventi clou organizzati nel periodo estivo in tutta la provincia di Lecce. La sua crescita è confermata dai numeri, così come dall’offerta culturale che, anno dopo anno, si è arricchita notevolmente. Uno dei fattori che sicuramente crea suggestione e fascino è la location. Dallo straordinario palcoscenico di Piazza del Popolo ai vicoli del centro storico, impreziositi da antichi palazzi signorili, gli spettacoli sono organizzati in un contesto magico, speciale e particolare che cattura l’attenzione e il cuore del pubblico.

L’evento è organizzato e promosso in collaborazione con la locale Pro Loco e anche grazie al supporto di diverse associazioni del luogo.

<<Dare vita ad una manifestazione di spessore dopo due anni di buio. Questa è la nostra ferma volontà – afferma il sindaco di Specchia Anna Laura Remigiperché la “Notte Bianca” ha sempre caratterizzato l’estate specchiese. Il nostro obiettivo – conclude – è quello di farla tornare più belle delle altre volte, dopo il periodo di stop>>.

Nelle ultime edizioni, durante un’unica notte, a Specchia sono giunte mediamente almeno 20.000 persone. Numeri veramente straordinari per un paese di soli 5.000 abitanti. Finalmente, dopo due anni si torna a calcare questo straordinario palcoscenico con animo diverso, puntando sulla qualità e sulla ripartenza. Lo sottolinea il direttore artistico della “Notte Bianca”, Salvatore Pagano, della M&P Company, agenzia leccese che da anni è impegnata nell’organizzazione di eventi live in Italia.

<<La stiamo ripensando rispetto al passato – afferma Salvatore Paganoe miriamo a darle un taglio più culturale. Come sempre, in ogni piazza sarà proposta una performance o attività ricreativa. Ma quest’anno punteremo a improntare tutte le iniziative verso la storia e la tradizione del borgo>>.

E qui occorre fare un bel passo indietro, molto indietro, fino al 54 a.C. anno in cui, secondo la leggenda, Specchia sarebbe stata fondata da Lucrezia Amendolara, matrona romana a cui è intitolata la strada principale del borgo. Era il 12 agosto, data in cui la cittadina festeggia la sua splendida realtà.

Come già sottolineato, a qualificare l’evento è di certo la location, ovvero il borgo della cittadina, caratteristico e unico nel suo genere, ma un ruolo importante lo gioca anche l’offerta artistica che abbraccia tutti i gusti e tutte le età. Ricco e interessante il programma, tra proposte musicali, attività ricreative e culturali  pensate per un pubblico variegato, composto da grandi e piccini. L’arte, e la felicità che da essa deriva, alla portata di tutti.