Un volume su Torre dell’Orso, tra ricerca e memoria. Sabato sera la presentazione ufficiale

0
166

Il fascino e la bellezza di Torre dell’Orso approdano sulle pagine di un volume destinato a fare parte della memoria storica di un territorio di innegabile ricchezza.
Il libro, curato da Mario Spedicato, si intitola “Torre dell’Orso – Una località balneare salentina, tra ricerca e memoria”, ed è una raccolta di tutti gli sutdi di settore relative al sito archeologico, alle alte falesie della costa con descrizioni dettagliate del sistema eco-ambientale rappresentato dalla pineta marina. Il tutto arricchito da immagini, soprattutto foto d’epoca che documentano l’evoluzione della marina di Melendugno a partire dagli anni ’60 del Novecento, con il suo progressivo popolamento.
L’azione di ricerca e narrazione si concentra (e non potrebbe essere diversamente) sul mito delle “Due Sorelle”.
Sabato 7 agosto, a partire dalle ore 21.00, questa pregiata opera editoriale sarà presentata ufficialmente al pubblico. Per il suo lancio è stata scelta come location proprio Torre dell’Orso (Piazza Salvo D’Acquisto).
Tra gli altri saranno presenti il sindaco di Melendungo, Marco Potì, il Rettore dell’Università del Salento, Fabio Pollice e Antonio Palma, presidente del “Comitato per la marina” di Torre dell’Orso .
Interverranno, inoltre, Fabio Corvino (Direttivo Comitato); Paul Arthur (Unisalento); Paolo Sansò (Unisalento); Livio Ruggiero (Unisalento); Daniele Capone (Condirettore collana “Narrare il Salento”).
Introdiuce e conclude Mario Spedicato (Unisalento).
Il volume, in sintesi, si occpua in maniera organizzata di un sito conosciuto come la perla delle marine di Melendugno con l’obiettivo di diventare un riferimenti per evenutali ricerche future in grado di coniugare il rigore scientifico (tipico dell’archeologia e della geologia) con la storia di un territorio che si apre all’insediamento urbano.