Un giovane attore salentino alla conquista di Venezia. Debutto cinematografico per Pietro De Leo

0
348

C’è anche un giovane, anzi, giovanissimo, attore salentino nel cast di “Nina dei Lupi”, il nuovo fantasy-thriller di Antonio Pisu (distribuito da Genoma films) che, dopo l’anteprima mondiale del 30 agosto, per le “Giornate degli Autori” alla Biennale di Venezia, sarà distribuito in tutte le sale cinematografiche italiane.

Debutta sul grande schermo Pietro De Leo, 12 anni e grinta da vendere.

Leccese, occhi chiari, una cascata di riccioli biondi ed un sorriso dolcissimo, si innamora della recitazione sin da piccolissimo, anzi, a dirla tutta la passione per la recitazione è nata insieme a lui. “Il mio attore preferito? Jack Nicholson”, rispondeva sicuro di sé, qualche anno fa, a specifica domanda.

A soli 5 anni inizia a studiare cinema, a Lecce, presso la scuola “Azione” di Cristel Caccetta e Luigi Imola.

Oggi, a 12 anni appena compiuti, vanta numerose esperienze nel settore pubblicitario e ultimamente ha interpretato Kim Rossi Stuart bambino in una serie Amazon (in uscita il prossimo 13 ottobre) il cui protagonista è, appunto, il famoso attore romano.

In “Nina dei Lupi” (tratto dall’omonimo romanzo di Alessandro Bertante) Pietro si misura per la prima volta con il cinema e con attori del calibro di Sergio Rubini, Cesare Bocci e Davide Silvestri. Nella pellicola interpreta uno dei migliori amici di Nina (Sara Ciocca), eroina che si trova a vivere in un mondo post post-apocalittico, devastato da una tempesta solare che rende inutilizzabile qualsiasi apparecchiatura elettronica in ogni angolo del pianeta. Un mondo in cui la civiltà è scomparsa e solo i più forti sopravvivono.