Salento Review: il numero invernale

0
314

Da oggi siamo in edicola e nelle librerie (Feltrinelli e Liberrima) con il numero invernale di Salento Review.

Queste pagine sono animate da tante storie, racconti e personaggi che vale la pena conoscere perché, attraverso la loro esperienza conosciamo un Salento inedito e bellissimo.

Il filo conduttore è l’amore per questa terra, per certi aspetti aspra, difficile ma comunque unica e meravigliosa. Raccontiamo di ritorni, “restanze”, di nuove generazioni che portano avanti il lavoro avviato tanti anni prima dai nonni, di futuro, di turismo, di arte, di bellezza intesa come valore assoluto da cui ripartire per riappropriarci del tempo logorato dal silenzio e dell’incertezza della pandemia. Uno sguardo rosa sui giorni che verranno. Un rosa che si sposa perfettamente con la “New vision” da cui riparte BTM che quest’anno si sposta a Taranto (24-25-26 marzo 2021) per una tre giorni di confronti, novità, formazione e tante novità legate, ovviamente, alla sfera del turismo e a tutto ciò che ruota attorno a questo comparto che, ahinoi, è tra i più penalizzati a causa del Covid-19.

Anche per questo numero, come potete immaginare, abbiamo incontrato non poche difficoltà, tuttavia, vedere il bicchiere mezzo pieno, in un momento storico come quello che stiamo vivendo, è diventata la filosofia del nostro gruppo sposata, per fortuna, anche da aziende e da realtà locali che non hanno esitato a condividere con noi questo viaggio.

Essere ottimisti fa bene alla salute ed è con questa consapevolezza che ci accingiamo a vivere i prossimi mesi, sperando di archiviare i brutti ricordi per dare spazio alla costruzione di nuovi, dal profilo decisamente migliore.

Per la copertina (foto di Massimo Centonze) abbiamo scelto uno scorcio delle Mura Urbiche di Lecce, costruzione eretta da Carlo V per arginare le invasioni turche. Una metafora per raccontarvi questo tempo difficile in cui il nemico da arginare è ben più insidioso. Eppure, nonostante l’incertezza di questi giorni infiniti, siamo riusciti a raccontare nuove storie, cariche di positività e speranza, a guardare avanti con incrollabile ottimismo e a rendere omaggio ad una terra straordinaria e alla sua meravigliosa gente.

Nei mesi che hanno scandito la preparazione della rivista non sono mancati momenti di sconforto, tuttavia, la consapevolezza di arrivare dritti ai vostri cuori compensa tutti i nostri sacrifici.

Siamo orgogliosi del nostro lavoro e, a questo punto, non ci resta che augurarvi buona lettura.