Parchi, un patrimonio da valorizzare

0
185

Federparchi e Regione Puglia hanno siglato un protocollo d’intesa con un obiettivo ben preciso: promuovere la creazione dei sistemi regionali, nazionale ed europeo delle aree protette, in accordo con gli indirizzi di Europarc Federation.

In primo piano la valorizzare delle aree naturali protette, intese come importante patrimonio culturale, ambientale e naturalistico. In campo una serie di iniziative per promuovere forme di turismo sostenibile, in sinergia con la rete dei cammini e degli itinerari culturali che avviene a conclusione dell’iter di certificazione della via Francigena da Roma a S.M. di Leuca. Regione e Federparchi si impegnano a collaborare nella sperimentazione di buone pratiche di sviluppo locale ecosostenibile ed integrato. Tutte azioni che saranno in linea con le previsioni del Piano Strategico Regionale del Turismo, Puglia 365 e del Piano Strategico della Cultura, PiiiL Cultura in Puglia. In particolare Regione e Federparchi collaboreranno nella attivazione de “La Carta Europea per il Turismo Sostenibile nelle Aree Protette”(CETS) per migliorarne la gestione a favore dell’ambiente, della popolazione locale, delle imprese e dei visitatori. Federparchi coordinerà l’azione dei soggetti gestori dei parchi e delle aree protette della Puglia, fornendo ogni tipo di supporto tecnico e organizzativo funzionale alla elaborazione delle politiche di valorizzazione, alla progettazione degli interventi ed alla loro attuazione. Nella realizzazione delle attività la Regione Puglia coinvolgerà anche Teatro Pubblico Pugliese, Apulia Film Commission e Pugliapromozione.

 «La Puglia – spiega l’assessore regionale all’Industria Turistica e Culturale, Loredana Caponeha un ricco patrimonio di parchi e aree protette. Tanti microhabitat ideali per gli amanti dell’ecoturismo, che vanno difesi anche dalla cementificazione selvaggia. La varietà territoriale, la sua geologia, le sue bellezze paesaggistiche sono un forte richiamo per i turisti di tutto il mondo. I parchi in Puglia sono, e potrebbero esserlo ancora di più, volano per il turismo sostenibile e l’economia del territorio. Le comunità agricole che circondano i parchi in Puglia, inoltre, creano un equilibrio incredibile tra storia, ambiente, economia e società. Ma Parchi e Aree protette vanno ulteriormente tutelati e valorizzati. In Puglia è una esperienza unica andare a piedi, a cavallo o su due ruote e immergersi all’interno dei Parchi, mangiare cibo genuino e sano, conoscere progetti di salvaguardia dell’ambiente e di conservazione per l’avifauna nelle Oasi protette sul mare e all’interno. Un viaggio sostenibile ed ecologico, a contatto con la natura e gli animali, accompagnati da persone che amano la loro terra e quello che fanno. Il turismo sostenibile, il rispetto paesaggistico, lo scarso impatto ambientale, le nuove mete e il nuovo trend turistico degli ultimi anni sono – conclude Capone – tutti argomenti sostanziali ai quali guardiamo con attenzione per costruire un modo di viaggiare in Puglia sempre più rispettoso dell’ambiente e delle comunità locali e sempre più esperenziale e responsabile per i viaggiatori. E in questo percorso i parchi e rappresentano un pezzo importante».

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui