Palcoscenico digitale

0
234

Bloccate dalla pandemia le 28 repliche de “La Traviata” e de “Il Barbiere di Siviglia”, in programma tra marzo e aprile al Teatro Politeama Greco di Lecce e al Nuovo Teatro Verdi di Brindisi, diventeranno spettacoli fruibili in digitale, sia da scuola che da casa.

Non possiamo fermarci né aspettare. Puntiamo da subito tutto su digitale e innovazione tecnologica. Ripartiamo con un nuovo percorso immersivo su cui stiamo investendo tutte le nostre forze, implementando la piattaforma digitale avviata quattro anni fa con lo start del progetto e che in questi mesi di didattica a distanza è esplosa con centinaia di migliaia di visite e interazioni”. Così Francesco e Matteo Spedicato che, insieme ad Andrea Rizzo, sono gli ideatori di STREGATI DALLA MUSICA, il programma di didattica e teatro musicale volto alla riscoperta della tradizione belcantistica italiana che finora conta complessivamente 75mila adesioni di bambini e ragazzi delle scuole pugliesi, attestandosi per questo come uno dei più grandi d’Italia. 

“L’emergenza COVID-19 e le misure restrittive del Governo non lasciano ben sperare in un imminente ritorno a teatro, specialmente con le modalità necessarie al progetto – dicono gli organizzatori -. L’interruzione delle nostre produzioni, a pochi giorni dall’inizio degli spettacoli, è stata un duro colpo e come tante altre realtà, non nascondiamo che viviamo un momento molto difficile. Tuttavia, abbiamo deciso di non mollare e di cogliere le sfide che la situazione impone. Da oggi Stregati dalla Musica diventa sempre più digitale e siamo già a lavoro nella creazione di un nuovo ambizioso percorso per rispondere al meglio alle esigenze di scuole e famiglie. Puntando alla completa digitalizzazione del progetto per il prossimo anno scolastico, siamo pronti a ricreare la magia dei nostri spettacoli anche non andando a teatro, sperando, ovviamente, di poterci tornare comunque presto, visto che abbiamo come obiettivo, da sempre, la formazione dello spettatore del futuro”.

Francesco Spedicato, Matteo Spedicato e Andrea Rizzo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui