Nevio D’Arpa: “Un errore imperdonabile associare la parola turismo all’idea di illegalità”

0
138

<<Non ho esitato un attimo, lo scorso giugno, ad accogliere l’invito da parte di alcuni operatori del settore con i quali avevamo concordato di realizzare l’incontro  a fine settembre per poter commentare i dati sulla stagione estiva 2022. La comunità idruntina ha il merito di saper coniugare tradizione culturale e innovazione, genio creativo e sapienza artigiana, professionalità, qualità della vita e tutela dell’ambiente, con quell’armonia dell’accoglienza e della bellezza che si rispecchia nella sua gente e nei valori che essa esprime. Piccola premessa, questa, necessaria per introdurre un capitolo nuovo destinato a creare un ponte tra passato e futuro: il prossimo 30 settembre BTM Interazioni, appuntamento di informazione e scambio ideato per delineare, definire e analizzare il nuovo volto del turismo, si terrà proprio nella “Città dei Martiri”. Un’occasione importante per riportare il territorio e i suoi protagonisti alla ribalta, per parlare di programmazione per le aziende turistiche, di formazione per gli operatori stessi, per porre l’accento sui servizi, sulla sostenibilità ambientale, sociale ed economica della città e del suo comprensorio. Per questo, insieme al mio staff e al Comitato Scientifico, ci siamo immediatamente messi al lavoro per definire gli argomenti da trattare, invitando personaggi di un certo spessore per offrire un contributo importante e duraturo. Nel frattempo, sono stato anche invitato dal coordinatore generale Luciano Schito, a far parte del Comitato Promotore di “Otranto Città della Cultura 2025”, e ho contribuito a costruire il progetto strategico, insieme all’Università del Salento, a Pugliapromozione, Insiders e a tanti altri soggetti. Per dedicarmi a questo nuovo obiettivo (importante per la città, sicuramente, ma anche per tutto il territorio) ho investito tempo, risorse ed energie nella convinzione che non ci sia occasione migliore di questa perché Otranto riveli la sua identità trasparente, chiara, unica>>.

Così Nevio D’Arpa, Ceo & Founder di BTM sul caso “Otranto”.

<<Non entro nel merito del terremoto giudiziario delle ultime ore. La magistratura farà il suo corso. L’unica cosa che mi sento di dire è che esiste un tessuto produttivo sano, eticamente ineccepibile, che merita attenzione e che rappresenta un valore aggiunto per il Salento e, più in generale, per la Puglia. Sarebbe un errore imperdonabile associare la parola “turismo” all’idea di illegalità. È il momento di sostenere con impegno e convinzione queste realtà e, con esse, i suoi protagonisti orgogliosi e tenaci. Per loro, e insieme a loro, sono pronto a spendermi in prima persona, offrendo tutti gli strumenti a mia disposizione, per ricordare che Otranto è stata, è e continuerà ad essere culla di arte, cultura, bellezza, eccellenza e continua scoperta. Rinnovo, quindi, l’appuntamento con BTM Interazioni, il 30 settembre, nelle sale del Castello Aragonese. Costruiamo insieme nuove prospettive operando, nella condivisione, un riscatto simbolico della città >>.