L'anti sagra per eccellenza? La Sagra del Diavolo, stasera a Tuglie

1
339

Non lasciatevi ingannare dal nome: nella Sagra del Diavolo non c’è assolutamente nulla di satanico, e lo potrete verificare voi stessi partecipando alla quarta edizione della manifestazione, in programma stasera presso Villa Prandico a Tuglie (ingresso 5 euro).
Nata per gioco il nome particolare ha da un lato attirato tanti curiosi, dall’altro ha creato non pochi problemi, come racconta uno degli organizzatori, Luigi Bruno.
“Il nome dato alla sagra è forte, ma il tutto si basa sull’ironia. Ridiamo ancora a quando pensiamo che nella prima edizione, organizzata in piazza SS. Crocifisso, a Galatina, proprio dove si erge la grande chiesa, il parroco ci chiamò e ci costrinse a cancellare il nome della piazza su tutte le locandine, oltre duemila – ricorda sorridendo Bruno – e lo abbiamo fatto a mano”.
L’idea di questa sagra è nata da un’intuizione/suggerimento dell’editore Cosimo Lupo a Luigi Bruno, voce del gruppo Muffx, per il quale aveva scritto un brano particolare che ha suscitato la fantasia dell’editore e poi del cantante. E così hanno iniziato a pensare ad una sagra che contenesse tutto quelle che le altre non avevano, scartando tutti gli elementi che accomunano le tante sagre salentine.
“Abbiamo sempre cercato di puntare sulla qualità piuttosto che sulla quantità, soprattutto con la musica”- continua Bruno. Ed infatti, i diversi gruppi che negli anni si sono esibiti, dimostrano una cura particolare nella scelta: Claudio Simonetti (Goblin), Aldo Tagliapietra (Le Orme), Vincenzo Vasi e Valeria Sturba (Ooopopoiooo), Dome La Muerte, The Cyborgs; in più ha visto protagonisti anche numerosi artisti locali, fotografi, performer, e tanti altri “insoliti personaggi”.
Il programma proposto quest’anno prevede il ritorno sul palco di Richard Sinclair, cantante, bassista e chitarrista inglese fondatore dei Caravan, tra i protagonisti della “scena di Canterbury”, che a partire dai tardi ’60 hanno influenzato la musica progressive di tutto il mondo, la partecipazione dei Fakirs Bay, freschissimo e divertente progetto di tre navigati rocker, capitanati da Lou Gopher, che strizzano l’occhio al rockabilly anni ‘50, e dei Giöbia, formazione tra le più influenti nella scena della nuova psichedelia italiana ed europea. I padroni di casa, i Muffx, con la nuova formazione composta da Luigi Bruno (voce/chitarra), Alberto Ria (batteria), Ilario Suppressa (basso) e Mauro Tre (tastiere/sinth), presenteranno in anteprima alcuni brani de “L’ora di tutti”, concept album strumentale liberamente ispirato al romanzo cult di Maria Corti ambientato durante l’invasione Turca nel 1480 a Otranto che uscirà a breve per GoDown records/Ill Sun. Purtroppo per gravi problemi familiari non saranno presenti i Biglietto per l’Inferno, storica band del progressive italiano anni ’70 recentemente tornata sulle scene. Spazio anche alla “Jam del Diavolo”, al dj set “vinilico” di Max Nocco, al live looping one man band di ecnegrU e alle esibizioni di La13, Raf Qu e Camden.
“Dall’anno siamo diventati itineranti e abbiamo introdotto la gastronomia – continua Bruno – ciò che ci fa piacere è l’interesse sempre crescente verso la sagra, capace di attirare pubblico di diverso target”.
Assieme a Bruno c’è anche Giulio Vaglio, come organizzatore, inoltre, gli altri responsabili del successo della manifestazione sono Luisa Carlà, responsabile della visual art; Loredana Bio, responsabile dei mercatini; Tiberio De Mitri, direttore di palco; Gianluca Ramundo e Monica che si occupano della logistica, ed Elisabeth Rizzo.
Durante la Sagra del Diavolo ampio spazio all’arte con la pittura di Massimo Pasca (Live Painting e mostra personale “Il Diavolo non si nasconde nei particolari”), Giuseppe Apollonio, Emanuele Capozza, Luisa Carlà, Paola Cazza, Adriana De Santis, Betti Greco, Angela Grancagnolo, Veronica La Greca, Alessandro Mangione, Vincenzo Maraglino, Maria Gabriella Marra, Daniele Ostuni; la fotografia di Giacomo Rosato e Antonio Leo (“L’elogio dell’inconsistenza”), Gabriele Antonio Albergo, Danilo Dom Calogiuri, Andrea Ciccarese, MariElena Dell’Anna, Isla, Elsa Versus Elsa, Annalisa Melcarne, Davide Calabrese, Diego Panico, Carlo Romano; la scultura con Loredana Bio e Tonio Bisconti. Appuntamento anche le live performance di Giampaolo Montinaro, Nausicaa Black, Valentina Calvani (“Art Fusion”), La Metà (street art “Animale Distinto Animale”), Annalisa Macagnino, Gilvia Rollo, Lilly Lablonde (“Erotic Alien Live Show”), Our God Is A Surfer (“Live painting”), Dalila Scarlino make up artist (“Angel / Devil”), DDMakeup make up artist “Demone sfx” con Giuseppe dell’Anna. In programma anche le Installazioni di Massimiliano Manieri (“Amplexus Nunquam”), Neea.Bros (“In bloom. Il tempo cambia umore”) e Remo Spada (“L’ardere”). Ci si potrà aggirare tra le bancarelle dello “Strano Mercatino”, rovistare tra vecchi vinili. E non mancheranno cibo e vino, maghi e cartomanti, e altre diavolerie!

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui