La 49ª Stagione Lirica della Provincia di Lecce si apre con il concerto-evento “Symphonic Pink Floyd – Atom Heart mother and more”

0
88

La 49ª Stagione Lirica della Provincia di Lecce si aprirà sabato 23 marzo 2024 con un grande evento il concerto-evento “Symphonic Pink Floyd – Atom Heart mother and more ”.

L’appuntamento è alle 18al Teatro Politeama Greco, non a caso una location classica, un teatro, in contrasto con la musica dei Pink Floyd, per un concerto che vedrà coinvolti in uno straordinario ensamble l’Orchestra Sinfonica di Lecce e del Salento Oles, diretta da Valter Sivilotti, il Coro Lirico di Lecce, diretto da Vincenza Baglivo e la tribute band OHM che, dal 1997, si distingue per la cura nell’interpretare le canzoni in modo autentico e nel saper ricreare l’atmosfera tipica delle performance live pinkfloydiane.

Questa mattina, nella sala conferenze stampa di Palazzo Adorno, a raccontare l’evento culturale e musicale che approda per la prima volta in Puglia, sono intervenuti il presidente Stefano Minerva, il dirigente del Servizio Governance territoriale e project manager della Stagione lirica Roberto Serra, il dirigente provinciale che ha supportato l’organizzazione dell’evento Pantaleo Isceri, i direttori artistici della Stagione lirica Giandomenico Vaccari e Maurilio Manca, il direttore d’orchestra Valter Sivilotti (in videocollegamento), il leader OHM Pink Floyd tribute band Francesco Carrieri, il presidente dell’Orchestra Sinfonica di Lecce e del Salento Oles Marco Delisi, il presidente del Coro Lirico di Lecce Linda Coclite.

Un evento del genere di “Symphonic Pink Floyd”, in passato, è stato presentato allo Sferisterio di Macerata, agli Arcimboldi a Milano, allo Chatelet a Parigi ed a Londra con la Royal Philarmonic Orchestra ed è differente dalle iniziative di cover o tribute band dei Pink Floyd, che si esibiscono frequentemente.

“Abbiamo chiuso una Stagione lirica, ricca di grandi successi, soddisfazioni, entusiasmo e apriamo la nuova con grandi progetti e con un grande concerto dedicato ai Pink Floyd. Lo abbiamo fatto perché sappiamo che in tanti, nel nostro Paese, sono legati a questa band. Abbiamo pensato che un evento di questo genere, che unisce tante generazioni, potesse dare onore alla musica internazionale e lustro alle nostre orchestre e ai nostri professionisti”, ha evidenziato, in apertura, il presidente della Provincia di Lecce Stefano Minerva.

“Abbiamo arricchito la Stagione lirica con una scelta che coinvolgerà il territorio, diversi gusti e diverse fasce di età. E’ la prima volta in Puglia che si propone un concerto del genere, con pochi precedenti a livello nazionale. Questo ampliamento dell’offerta, nell’ambito della Stagione lirica della Provincia di Lecce, consentirà una larga partecipazione di tutti gli attori protagonisti della cultura musicale”, ha sottolineato il dirigente del Servizio Governance territoriale e project manager della Stagione lirica Roberto Serra.

Ad illustrare nel dettaglio l’idea del concerto, “quota rock” della 49^ Stagione lirica, è intervenuto il dirigente provinciale che ha supportato l’organizzazione dell’evento, Pantaleo Isceri , profondo conoscitore dei Pink Floyd, da lui definiti “monumenti della musica che sono negli occhi, nel cuore e nelle menti di intere generazioni”.

“Non vogliamo fare solo un concerto, ma vogliamo raccontare un fenomeno sociale perché i Pink Floyd non sono stati solo un fenomeno musicale, ma il loro impatto è stato anche sociale e culturale. Quando gli altri andavano a Woodstock, la band inglese suonava in solitudine a Pompei. Hanno mosso masse oceaniche, i loro album sono tra i più venduti nella storia della musica, sono radicati nel contesto sociale, eppure sono fuori dalla massa. I loro sono concept album: “The dark side” è il disco della pazzia, “Wish you” dell’assenza, “Animals” del potere, “The wall” dell’incomunicabilità”, ha specificato Pantaleo Isceri.

La proposta della Provincia di Lecce, infatti, è una contaminazione ai massimi livelli tra musica classica, psichedelia, progressive rock e alternative rock. Verrà eseguito per intero Atom Hearth Mother, il pezzo lungo 23 minuti, nella versione originale per band, ottoni, violoncello e coro . Questo elemento, da solo, fa del concerto un’occasione imperdibile per gli amanti non solo dei Pink Floyd, ma della musica in generale. E si scoprirà come la musica dei Pink Floyd si presta sorprendentemente ad essere eseguita in forma sinfonica, da Echoes a Comfortably numb, da Wish you were here a The dark side of the moon . Quest’ultimo album ha da poco festeggiato cinquant’anni dalla sua prima pubblicazione (era il 1°marzo del 1973). Questa parte del programma è stato rielaborata in chiave sinfonica, con nuovi arrangiamenti scritti dal maestro Valter Sivilotti, che salirà sul podio del Politeama Greco nella duplice veste di direttore d’orchestra e arrangiatore.

Noto nel panorama nazionale per i suoi progetti sinfonici di contaminazione, con interpreti come Simone Cristicchi, Antonella Ruggiero, Alice, Valter Sivilotti ha ringraziato la Provincia di Lecce per l’opportunità. “Ho lavorato a questo progetto con grande rispetto”, ha dichiarato in video collegamento da Udine.

“I Pink Floyd sono protagonisti fondamentali della scena musicale. È giusto che un concerto del genere abbia piena cittadinanza all’interno di un teatro che ha il compito istituzionale di mettere in scena e far conoscere il melodramma”, ha affermato il direttore artistico della Stagione lirica Giandomenico Vaccari.

“Sarà un vero e proprio spettacolo alla maniera dei Pink Floyd, iconica band londinese che attraverso straordinarie e memorabili performance, veri e propri eventi mondiali, ha contribuito a scrivere la storia della musica rock”, ha aggiunto Maurilio Manca, direttore artistico della Stagione lirica.

“È un onore suonare con tanti grandi musicisti e con il maestro Sivilotti”, ha dichiarato il leader OHM Pink Floyd tribute band Francesco Carrieri, che ha ringraziato la Provincia di Lecce per il coinvolgimento.

Soddisfazione è stata espressa dalla presidente del Coro Lirico di Lecce Linda Coclite e dal presidente dell’Orchestra Sinfonica di Lecce e del Salento Oles Marco Delisi, che ha affermato: “E’ un vero piacere per la Oles riprendere il percorso musicale all’interno delle attività della Provincia di Lecce, in particolare della Stagione Lirica, con questo concerto che apre ad una fruizione della musica davvero a 360 gradi”.

Il concerto sarà anticipato da una ouverture narrativa intitolata “Uno sguardo dentro il lato oscuro della luna. La storia del più grande gruppo raccontata da 4 floydiani”, in programma il 15 marzo, ore 18.30, nell’Auditorium del Museo Sigismondo Castromediano a Lecce, in cui la storia del gruppo, che può vantare tre diversi leader assoluti, Syd Barrett, Roger Waters e David Gilmour, sarà raccontata attraverso video, fotografie e letture.

biglietti del concerto “Symphonic Pink Floyd – Atom Heart mother and more” possono essere acquistati direttamente presso il Teatro, in via XXV Luglio a Lecce; online su www.politeamagreco.it e su Vivaticket.