Imperdibile appuntamento per gli amanti del rock: Peter Hook, fondatore e bassista di New Order e Joy Division, a Lecce

1
326

Dopo la tre giorni a San Cataldo dal 15 al 17 luglio con Tre Allegri Ragazzi Morti, Niagara, Ministri e altri ospiti, il Sud Est Indipendente – festival a cura della Cooperativa Coolclub con la direzione artistica di Cesare Liaci e con il patrocinio del Comune di Lecce – ha pensato anche ad un imperdibile fuori programma per gli amanti del rock: mercoledì 17 agosto (ore 22 – ingresso 23 euro – prevendite BookingShow) nell’Anfiteatro Romano di Lecce arriverà Peter Hook – fondatore e bassista di New Order e Joy Division, pioniere della musica anni ’80 e ’90, un vero mito per le sue “invenzioni” in campo di musica dance – con la sua nuova band The Light.
Nella sua rilettura del passato più glorioso del post punk e della new wave inglese, Peter Hook prende l’eredità di Ian Curtis e ripropone i brani ormai immortali dei primi due album dei Joy Division (“Unknown Pleasures” e “Closer”). Hook rimane energeticamente devoto alla musica, al rock and roll e ai vecchi tempi, anche con la sua nuova band. Il suo essere presente, il suo guardare oltre tutti i trent’anni di carriera da musicista, lo ha visto ridefinire il suo ruolo e ispirare innumerevoli giovani bassisti nel suonare i classici come “Love Will Tear Us Apart”, “Atmosphere”, “Ceremony”, “Blue Monday”, “Temptation”, “Faith”, “Bizarre Love Triangle”, “Crystal” e altri ancora. Ritratto in due importanti film “24 Hour Party People” e “Control”, a prescindere dall’influenza dei New Order, i Joy Division e la Factory Records continuano ad essere citati come fonte di ispirazione da molte band contemporanee, come The Killers, The Chemical Brothers e Hot Chip. Quando Peter Hook e i suoi colleghi alla Factory Records aprirono il locale The Hacienda nel 1982 e pubblicarono “Blue Monday” dei New Order nel 1983, sia il club che la direzione musicale della band trovarono ispirazione dai DJ, dai clubber e dai promoter durante l’ascesa della musica dance anni ’80 e ’90, diventando giustamente i pionieri della club culture come la conosciamo noi oggi.
Info seifestival.it – 3331803375

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui