Il Gal "Capo Santa Maria di Leuca" presso l'Agri@tour di Arezzo

3
268

Si conclude oggi l’esperienza del Gruppo di Azione Locale “Capo S. Maria di Leuca” ad Agri@tour, la XIII edizione del Salone nazionale dell’agriturismo e dell’agricoltura multifunzionale, in Arezzo.

La manifestazione toscana è l’unico evento di rilevanza italiano per incontrare il mercato professionale, per valorizzare il settore e la cultura dell’ospitalità rurale, per promuovere l’aggiornamento tecnico e formativo, le tecnologie e le forniture. Un’occasione per presentare l’intera offerta agrituristica del Capo di Leuca a qualificati operatori internazionali provenienti da Paesi di riferimento per il turismo italiano.

Agri@tour è il salone professionale per tutte le aziende agrituristiche, perché vi trovano tutto quello di cui hanno bisogno, un appuntamento imperdibile per chi vuole progettare la sua nuova attività, migliorare le performance della sua azienda, ristrutturarla o impostare una nuova strategia di mercato.

Fin dalla sua costituzione, oltre vent’anni fa, il Gal ha ritenuto strategicamente rilevante la realizzazione di una serie di progetti pilota che tracciassero la strada di uno sviluppo turistico dell’area, coerente con la propria vocazione territoriale e rispondente ai propri effettivi bisogni, in questa direzione s’inseriscono gli interventi realizzati nel settore dell’agriturismo.

Il Gal “Capo S.Maria di Leuca” ha sostenuto la realizzazione di progetti finalizzati al rafforzamento dell’offerta di ricettività in strutture agrituristiche. Ciò è avvenuto in un territorio come il Capo di Leuca, dove agli inizi degli anni ’90 l’attività agrituristica era pressoché assente, in quanto, non si registravano presenze di strutture ricettive in questo specifico settore.

Concepiti in un’ottica di ospitalità rurale di qualità, gli agriturismi finanziati con il contributo del programma Leader hanno favorito anche la fruizione complessiva del territorio, proponendo agli ospiti servizi per la valorizzazione del ricco patrimonio culturale, architettonico, artigianale ed enogastronomico locale. I piatti della cucina tipica salentina costituiscono il menù proposto agli ospiti di queste strutture ricettive.

“Al Gal Capo S. Maria di Leuca, siamo convinti che anche la prossima estate il turista sceglierà l’agriturismo – ha dichiarato il presidente Rinaldo Rizzo – per degustare la cucina e immergersi nella natura e per provare un po’ tutte le peculiarità di questo tipo di vacanza: natura, enogastronomia, relax e attività dentro e fuori l’agriturismo. Anche nel 2015 tra le destinazioni più gettonate ci saranno il mare e le masserie del Salento. Il Gal, nelle quattro edizioni del Programma Leader, nel Capo di Leuca, ha contribuito finanziariamente alla ristrutturazione di 33 di queste suggestive testimonianze del patrimonio rurale, per trasformarle in strutture ricettive di eccellenza”.

3 Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui