Emozioni giallorosse

0
240

“Facce da Lecce: dodici ritratti dall’era Semeraro a oggi” è il libro della giornalista sportiva Carmen Tommasi. Un omaggio alla squadra del cuore, anzi, per usare le sue stesse parole, un “diario di bordo” che racconta di uomini che hanno lasciato un segno nella storia del calcio leccese. Uno tsunami di emozioni: partite perse in maniera netta, altre vinte cin soddisfazione, obiettivi raggiunti e altri no, rapporti veri, duraturi e lacrime accese nel momento del distacco. È tutto quello che è l’appassionante mondo del pallone. Perché il calcio non è  solo  un gioco, ma  é molto  di piu:  é vita vissuta e  legami  che  restano nonostante  nel  calcio moderno ha sempre la meglio la legge del calciomercato.

Sono 12 ritratti di personaggi  raccontati in chiave calcistica, umana e soprattutto giornalistica che hanno lasciato un segno nella storia dell’ U.S. Lecce. Storie  per gli  appassionati  di calcio,  certamente.  Ma non solo: storie di una maglia,  storie di passione che fanno sorridere e piangere, storie di vita che emozionano, perché il calcio è, prima di tutto, amore.

-Giovanni Semeraro, l’imprenditore tifoso

-Giacomazzi, il capitano dei capitani

-Di Michele, “Re David” il giocoliere innamorato del Salento

-Il condottiero Serse, cuore, carisma e “ignoranza”

-Antonio Tesoro, il  direttore sportivo giovane e vulcanico

– Miccoli,  il re di Palermo e capitano del Lecce

-Maragliulo, da Lecce a Lecce per una vita intera

-Liverani, l’uomo dei miracoli

-Scavone e la dolce mano della provvidenza

-Falco, figlio talentuoso del Salento

-L’Innominato calciatore e la legge del cuore

La prefazione è della giornalista Silvia Famularo, da sempre esperta di calcio; l’ntroduzione e conclusione sono dell’altrettanto passionale giornalista Valeria Coi. Parte del ricavato dalle vendite, per sensibilità e scelta di Carmen, andrà all’AIL, Associazione Italiana contro le Leucemie. Un modo per ringraziare chi si spende quotidianamente contro questo male e per aiutare questa preziosa realtà benefica. E così è stato. La prima donazione, quella natalizia, è stata consegnata al presidente della Ail Salento, Mario Taricone.

<< Avrei   voluto   tenere   tutto   questo   in   forma   privata,   la   donazione   è   unaspetto   intimo,   profondo   e   delicato.   Il   più   delle   volte – spiega l’autrice –  ha un’accesa motivazione personale. La mia è molto forte. Ho perso   mamma   per   questa   maledetta   ‘bestia’,   come   ho   detto   in   più occasioni. Ecco perchè, ci tengo a pubblicizzare, uso questo termine non a caso, questo mio gesto. Voglio sensibilizzare i più a donare e il mio lavoro, e la mia piccola creatura, me lo stanno permettendo>>.

Il Libro è pubblicato da Placebook Publishing ed è disponibile su Amazon in  formato ebook e cartaceo:       

Questo il sito della  casa editrice:    

https://www.placebookpublishing.it/