Bevilacqua nel Capo di Leuca: "Del Salento mi piace tutto"

2
339

Da anni si sposta in lungo e in largo per l’Italia, per scoprire le bellezze del paese e la genuinità delle persone che lo abitano.
Osvaldo Bevilacqua conduttore dello storico programma “Sereno variabile” con la regia di Manola Romizi, torna a raccontare lo splendore del Capo di Leuca.
Quella che andrà in onda oggi alle 13,30 su Rai Due, sarà una puntata ricca di proposte, grazie alle immagini e alle interviste effettuate: ambiente, cultura, gastronomia, artigianato tipico, turismo rurale, borghi antichi e mare saranno gli attori principali di un Capo di Leuca ancora tutto da scoprire. Osvaldo Bevilacqua dalla Marina di San Gregorio, nel territorio di Patù, raggiungerà la sabbia e le acque cristalline delle Pescoluse a Salve, per poi ammirare le grotte ed il mare di Leuca, concludendo il suo tour in una festa rurale nelle campagne di Tricase, scoprendo prodotti agroalimentari ed artigianali locali.
“In Italia è impossibile avere difficoltà a raccontar cose nuove. Anche se torno negli stessi posti c’è sempre qualcosa di nuovo da vedere, da mostrare ai telespettatori – afferma il conduttore -. Nel Salento ci sono venuto tantissime volte, però ogni volta è come se fosse la prima, c’è sempre qualcosa da scoprire e non è mai successo che mi sia ripetuto nelle mie narrazioni. In Italia c’è sempre fermento, sempre iniziative nuove e luoghi che non hai fatto in tempo a vedere. E nel Salento vale la stessa cosa, ci sono sempre luoghi e nuove situazioni da proporre”.
Il viaggio nel Capo di Leuca è stato possibile grazie al supporto organizzativo del Gal “Capo S. Maria di Leuca”. Da questa edizione “Sereno Variabile”, in ogni puntata Bevilacqua viene affiancato da tre persone legate al territorio, in quella dedicata al Capo di Leuca saranno: Anna Profico, studentessa dell’Istituto Alberghiero “Aldo Moro” di Santa Cesarea Terme, Daniela Bender, di origine tedesca ma che vive da anni nel Capo di Leuca, e Nicolò Carnimeo, scrittore e giornalista de “La Gazzetta del Mezzogiorno”, i quali al termine della puntata daranno la loro amichevole valutazione sulle proposte presentate.
“È cambiato il modo per proporre e raccontare le cose, non c’è dubbio che per chi fa un programma televisivo tutto dipende dagli orari in cui si va in onda, in questo caso, per l’edizione estiva il linguaggio deve essere molto più veloce, con un ritmo travolgente devi dare quante più informazioni necessarie per permettere allo spettatore di farsi un’idea e di scegliere di venire a visitare un posto – continua il conduttore -. Nel mio lavoro punto molto sull’umanità, sulla gente: se si vuole conoscere un luogo si deve parlare con chi lo abita”.
Nel corso della sua storia, “Sereno Variabile”, ha collezionato numeri da record: un totale di più di 1.815 ore di trasmissione, ben 4028 puntate, 3 milioni di km percorsi in Italia, 420 volte il giro del nostro pianeta. Al timone da 36 anni, non è casuale che sia Bevilacqua e sia la stessa trasmissione siano stati inseriti nel Guinness World Records per il record del programma tv di viaggi di più lunga durata del mondo, ricevendo l’ambito riconoscimento dal Senior Vice Presidente “Records management team” Marco Frigatti. Un’esperienza collaudata nel riconoscere il bello dei luoghi e delle persone.
“Del Salento mi piacciono i salentini. Questo cocktail meraviglioso di civiltà che si sono susseguite ed è tutto nel particolare Dna che racchiude ospitalità, simpatia, furbizia. Questa è una terra che offre tutto. Quando arrivano i turisti qua giù si ubriacano di splendore, trovano tutto quello che cercano: panorama, natura, tradizioni, feste, cibo, grandi vini, che dovrebbero essere promossi molto di più. se dovessi rimproverare qualcosa al Salento direi che pecca un po’ nei servizi, dovrebbe migliorare la qualità”.
“Al GAL Capo S. Maria di Leuca, siamo convinti che anche nell’ estate in corso saranno numerosi i turisti che sceglieranno il nostro territorio – afferma il presidente Rinaldo Rizzo – per degustare la cucina, apprezzare le nostre tradizioni e immergersi nella natura e provare tutte le peculiarità del Capo di Leuca: natura, enogastronomia e relax. Una trasmissione televisiva come “Sereno Variabile”, oltre come strumento di valorizzazione e promozione turistica, è utilissima per agevolare i turisti a scoprire tesori materiali e immateriali, che più di una volta sono sconosciuti agli stessi residenti.”

2 Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui