A lezione di Bon Ton per avere successo con il partner

3
412

Alzi la mano chi per il primo appuntamento passa tutto il pomeriggio con il cuore in gola, carico di emozioni e aspettative, davanti allo specchio cambiando e scambiando l’abito alla ricerca di quello migliore, per dare da subito un’ottima impressione. Senza poi pensare che basta una frase o un gesto fuori luogo possono compromettere tanto lavoro di preparazione, e portare gli interlocutori a scappare a gambe levate. Forse, quindi, è il caso di imparare a porsi nel modo migliore, andando a scuola di bon ton.
Per il dottor Alberto Presutti lo stile è tutto. E diffondere le buone maniere è la sua missione principale.
Presutti è uno tra i maggiori esperti di Bon Ton e Galateo in Italia, dispensa consigli vitali con la sua business school “Boutique dello Stile”, attraverso la quale garantisce un “nuovo ed originale approccio alla formazione aziendale e personale”, collabora con diverse testate giornalistiche e dispensa i suoi consigli con coaching e seminari. Stasera sarà per la prima volta a Lecce nell’ambito della rassegna “Lu Pilu e Lu ‘Nsartu. Il seme dell’Eros”, volto ad una riflessione sull’eros vissuto nel quotidiano.
L’incontro di questa sera si chiama “Donna Fata Strega” e a quanto dichiarato nella presentazione Presutti “accompagnerà i partecipanti in una esperienza di stile volta ad infondere maggior sicurezza nelle capacità femminili attraverso non solo una migliore comprensione del corteggiamento maschile, ma anche attraverso la riscoperta di piccoli ma preziosi segreti che riguardano modi di fare e valori d’altri tempi”.
Per essere più pratici, snocciolerà qualche consiglio su come approcciare il partner con stile.
“Il nome della conferenza spiega un po’ quello che sarà l’argomento principale – afferma il dottor Presutti -. Le donne spesso si alternano in fate e sono streghe, in realtà i due aspetti sono le facce della stessa medaglia, che però non porta a nessun risultato. Per mentalità o abitudine le donne credono di poter essere entrambe, pensano che possano in qualche modo manipolare l’uomo anche con frasi del genere “tu non mi capisci” che poi diventa una pretesa di comprensione da parte dell’uomo. Nella corso questa sera cercherò di far notare alle donne come si approcciano, confrontando la loro comunicazione con quella dell’uomo”.
L’esperto esaminerà i modi d’approccio delle donne, passando in rassegna le varie tipologie dalla romantica alla crocerossina.
“Il percorso deve mirare alla consapevolezza che la donna ha di se stessa – continua Presutti – di ciò che le fa piacere e che non sopporta e, soprattutto, alla capacità di evitare gli uomini sbagliati e perpetrare negli errori di sempre, deve portare le donne ad evitare di diventare vittime di loro stesse. Darò una serie di informazioni per una crescita personale, elencando brevemente gesti da fare o da non fare”.
Il corso si rivolge prevalentemente a chi non ha una relazione in corso, ma può essere seguito anche da chi vuole migliorare una storia già nata.
“Spesso le donne compiono inavvertitamente degli errori di comunicazione – spiega Presutti – parlando con troppo tempo in anticipo di matrimonio o di problemi in famiglia, argomenti che fanno scappare immediatamente il partner. Allo stesso tempo parleremo delle tantissime tipologie di uomini, dal dongiovanni all’uomo rospo, dal debole all’irresponsabile e all’inaffidabile, e in generale tutti quelli che vanno evitati”.
L’errore comune delle donne? “Proiettare la propria visione di un rapporto di coppia sull’uomo che hanno davanti, spesso molto lontano dalla realtà. Le donne devono cercare un uomo responsabile e che abbia un progetto di vita da condividere. Cercare l’individuo adatto alle proprie caratteristiche”.
In conclusione si può dire che la seduzione è un percorso molto intrigante ed interessante che coinvolge tutta la persona.
“E il bon ton rappresenta la comunicazione efficace, una strategia capace di comunicare nel modo migliore qualcosa di noi stessi all’altro”. Cercando di evitare insuccessi e brutte sorprese.
L’appuntamento è a Lecce, alle 19 presso Palazzo Cezzi- Tamborino.

3 Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui